Indietro

Amico aglio: un vero portento!

E poi avocado, fragole, broccoli…

Si possono alzare le difese immunitarie con l’alimentazione? La risposta è si. L’attività del sistema immunitario può essere migliorata dal modo in cui ci si nutre, sia per i macronutrienti che forniscono energia per costruire nuove cellule sia per i micronutrienti che contribuiscono all’attività di molti enzimi chiave nella replicazione e nel metabolismo cellulari.  Vitamine e minerali influenzano questa attività.

Cosa prediligere quindi? Non i cibi conservati, perché hanno scarso potere nutritivo. Meglio cibi freschi e poco cotti perché le vitamine idrosolubili come la C e tutte quelle del gruppo B (per esempio la B6, i folati e la B12) e i carotenoidi (precursori di origine vegetale della vitamina A), sono molto labili e delicate. L’immersione in acqua, il calore durante la cottura, l’esposizione alla luce e all’aria, così come il semplice trascorrere del tempo, li degradano in modo rapido, sostanziale e irreversibile, impoverendo enormemente i cibi che le contengono.

Le verdure vanno mangiate fresche o poco cotte e gli alimenti contenenti vitamina C vanno conservati in recipienti non trasparenti! Inoltre per l’acquisizione di vitamina C è fondamentale il ferro. Perciò, un piatto di carpaccio di carne con contorno di spinaci e succo di limone sarà un insieme perfetto. Quali sono le vitamine e le sostanze che dobbiamo assumere? Le vitamine utili al sistema immunitario sono la C, la A, la E, la D, la B6 e la B9. Fra i macroelementi fondamentali lo zinco, il selenio, il ferro e il rame. Per il ferro sono utili oltre agli spinaci, pomodori, patate e broccoli.  La pro vitamina A si trova in frutta e verdura giallo arancio e verdura a foglia verde scuro. Le fragole contengono vitamina C, potassio e acido folico.

I folati, ovvero la B9 si trovano in asparagi, broccoli, cavoli e cavolini di Bruxelles, carciofi, cime di rapa, insalata, pomodori e frutta secca. Fagioli e ceci sono ricchi rispettivamente di zinco e rame e vitamina B6: fagioli bianchi e lenticchie hanno ferro, i piselli contengono la B9. La frutta secca e gli oli vegetali (semi di girasole, soia, oliva) danno il giusto apporto di vitamina E. Il selenio può essere assunto in dosaggi maggiori attraverso ortaggi arricchiti, come le patate o le carote al selenio, che devono però essere cucinate in modo corretto e, soprattutto, non bollite. Lo zenzero è un’ottima fonte di ferro, manganese, zinco rame, selenio, B6. Ha altresì tanta vitamina A e D, che sono presenti soprattutto in fegato e olio di pesce.

La vitamina C si trova a livelli elevati nel kiwi, molto più delle arance. Kiwi verde, litchis, papaya, ribes nero, acerola contengono molta più vitamina C di una comune arancia! (vedi tabella, fonte Natural Nutrient Database for Standard Reference).

L’avocado è un super food, contiene tutte le vitamine fondamentali e calcio, potassio.

Infine… l’aglio! Oltre a essere un potente battericida (gli antichi romani ne mangiavano in quantità industriali), aiuta il sistema immunitario, regola la pressione arteriosa, è ricco di magnesio, fosforo, ferro, iodio, pro vitamina A, C, B1, B2, PP. Ma deve essere mangiato crudo… con buona pace di chi ci sta accanto.

Eventi

Il tempo della Gentilezza

DIMMI DI PIÙ!

Quali scegliere e perchè

Erbe aromatiche

DIMMI DI PIÙ!